GITA DONBOSCUOLA: SEMBRAVA IMPOSSIBILE MA…

 

GITA DONBOSCUOLA: SEMBRAVA IMPOSSIBILE MA…

GITA DONBOSCUOLA: SEMBRAVA IMPOSSIBILE MA…CE L’ABBIAMO FATTA!

Domenica 28 Maggio si è svolta la gita dei bambini del DonBoScuola al Santuario della Madonna dell’Ambro.

La proposta della gita è nata dai fanciulli che più volte hanno espresso il loro desiderio di andare in montagna; per molti di loro infatti la montagna era ancora un mistero e così per la prima volta hanno potuto assaporare la bellezza dei Sibillini. Accogliendo la loro richiesta e con l’aiuto dei Salesiani, dei volontari e di alcuni genitori, abbiamo organizzato questa gita.

Dopo una serata passata per le strade di Macerata a prendere confidenza con i pulmini (soprattutto per Valentina), la mattina di Domenica ci siamo ritrovati alle 7.00 per celebrare la messa con Policino Salvatore Don e alle 8.00 siamo partiti.

I pulmini erano guidati da Marco Core e Valentina “Raikkonen” Chiodera. Il pulmino giallo capitanato da Marco sembrava il pullman degli hooligans del Liverpool in trasferta a Manchester, con gente che saltava nel portabagagli e piccoli ubriaconi che davano di stomaco sulla fiancata. Mentre il pulmino bianco dei "Nuovi Amici" (che ringraziamo molto per le attività che ci hanno proposto ogni giovedì pomeriggio) era guidato da Valentina, che sembrava Kimi Raikkonen versione mamma, con le piccole inchiodate ai sedili da cinture di sicurezza degne delle legature fatte a Giovanna D’Arco sul falò. Tra i due pulmini la sicurezza di Aicha, la mamma di Youssef, eletta capo ultrà dalle adorabili bestiole.

Arrivati a destinazione i ragazzi hanno immediatamente invaso i WC dei bar di fronte al santuario, qualcuno per andare in bagno e qualcun’altro per completare il lavoro svolto sulla fiancata del pulmino giallo. Dopo aver dato il buon pensiero e aver fatto una piccola preghiera siamo partiti per visitare le sponde del fiume Ambro.

I bambini più tecnologici hanno scattato tantissime foto, mentre i più piccoli ridevano e scherzavano lanciandosi i sassi; più i sassi assomigliavano a cocomeri più il gioco era divertente.

Tra pietre scivolose e boschi franosi il divertimento era garantito e per concludere la nostra esplorazione ci siamo fatti un sicuro “bagno” nel fiume. Chi immergeva la testa, chi l’intero corpo, chi il proprio zaino… le risate e le nostre urla erano garantite! L’acqua per fortuna era fredda… sennò li ritrovavamo a Porto Sant'Elpidio. Tra schizzi e schiamazzi gli altri ospiti del Santuario erano decisamente felici della nostra presenza.

Finalmente giunta l’ora di pranzo ci siamo posizionati all’ombra di alcuni alberi e abbiamo gustato le prelibatezze preparate da Sonia. Dopo aver sbranato anche il tavolo e il pranzo dei turisti polacchi vicini a noi ed aver aspettato i canonici 2 minuti dopo il pasto, i piccoli angeli si sono ributtati in acqua. Robe da far accapponare la pelle a qualsiasi mamma che non ti fa entrare in acqua prima di 3 ore!

Prima di andare via ci siamo presi un gelato tutti insieme e i più affamati se ne sono presi almeno altri due di tasca loro e abbiamo salutato la Madonna dell’Ambro che sicuramente ci ha protetti. Ovviamente prima di partire sono scoppiati i pianti per i posti davanti sui pulmini; solo dopo aver risolto questa tragica situazione, e fatto quasi esondare l’Ambro per le lacrime cadute a terra, siamo ripartiti. Il viaggio di ritorno è stato bello fino ad Amandola, quando il buon Marco ha deciso di far scendere due angioletti dal suo pulmino e distribuirli negli altri due mezzi. Alle 16 eravamo tornati nel cortile dei Salesiani. In 23 eravamo partiti e in 23 siamo tornati…MISSIONE COMPIUTA!

Scherzi a parte, per i ragazzi del nostro doposcuola è stata un’esperienza unica che ricorderanno sicuramente per tutta la vita. Dal punto di vista di noi Volontari del Servizio Civile Nazionale ci piace pensare che coloro che arriveranno il prossimo anno sappiano raccogliere i pochi semi gettati.

Ringraziamo tantissimo la nostra Comunità che ha pregato per noi, vi assicuriamo che le vostre preghiere non sono state inutili. Tutti insieme abbiamo fatto una grande cosa! Un ringraziamento speciale a Martina, Andrea, e Beatrice che ci hanno accompagnato e ci hanno dato un grosso aiuto dentro i pulmini e con i più piccolini. Un grazie ad Aicha che in questo anno è stata per noi una sorella maggiore sempre disponibile ad aiutarci. Cogliamo l’occasione per ringraziarvi per i vostri sorrisi durante le ore di servizio e la vostra vicinanza… il meglio deve ancora venire!

MARCO e VALENTINA

P.S. Se siete delle forze dell’ordine, NON CI AVRETE MAI!

Galleria Immagini