CAMPO CDS 2017: in Compagnia, col naso all’insù!

 

CAMPO CDS 2017: in Compagnia, col naso all’insù!

di Nicolò Silvestrini

La mattina del giorno 15 luglio i ragazzi del CDS si sono riuniti per partire tutti insieme alla volta del campo della Compagnia, conclusosi il 22 luglio. Durante questi giorni i ragazzi hanno imparato a convivere con i propri amici nella casa vacanze Lo Scoiattolo a Cinquecerri, una piccola frazione del paese di Ligonchio (RE). Ad accompagnare fanciulli, ragazzi ed adolescenti nella formazione è stata la storia di Pinocchio, recitata ogni mattina dagli animatori per introdurre il tema della giornata. I vari momenti di gioco e di tempo libero si sono alternati a spazi di preghiera e riflessione, dove i ragazzi hanno approfondito varie tematiche emerse dalla storia come quelli della coscienza, i compagni di vita, l'amicizia, la mondialità e l'essere un bambino vero, anche attraverso il confronto della figura di San Domenico Savio.

Per aumentare la competitività, durante i giochi i giovani sono stati divisi in quattro squadre (grilli, falegnami, mastri e falchi) capitanate dai vari componenti del biennio. Tutti hanno avuto, poi, l’occasione di partecipare ai vari laboratori pomeridiani organizzati secondo le fasce d’età: falegnameria, scouting, musica e comunicazione, animazione per i fanciulli e i ragazzi; laboratorio “Savio 3.0” (video-interviste, inno del campo, video del campo, danza) per gli adolescenti del primo e secondo superiore. Durante l’intensa settimana si sono, inoltre, svolte due passeggiate: una mattinata al fiume Secchia, dove tutti si sono divertiti bagnandosi nelle sue acque, e una giornata sul monte Ventasso: qui i ragazzi hanno assistito alla benedizione da parte di Don Roberto e Don Salvatore della croce appena fissata sulla vetta del monte. Un momento davvero unico e speciale!

Le serate sono state, invece, animate da coinvolgenti giochi notturni (il gioco horror e il gioco giallo), bans e balli intorno al falò e cene all’aria aperta, seguite dalla buonanotte di Don Roberto, don Salvatore e alcuni degli animatori.

Le giornate sono così trascorse in allegria e familiarità; grazie a questa esperienza noi ragazzi abbiamo avuto l’occasione di scoprire cosa vuol dire crescere da ragazzi liberi e non da “burattini”, secondo l’esempio di Domenico Savio, Don Bosco e Santa Maria Domenica Mazzarello, figura di una santa salesiana approfondita anche grazie alla preziosissima presenza di suor Ilaria Balducci FMA (Figlia di Maria Ausiliatrice), alla quale rivolgiamo un enorme grazie.

Un ringraziamento speciale non può che essere, inoltre, rivolto alle mamme impegnate in cucina, ai papà che hanno collaborato nella gestione tecnica del campo e delle passeggiate, a Don Flaviano che ci ha accompagnato e guidato, sia da Macerata, sia da Cinquecerri, a Riccardo e Marco, capi scout che hanno dato la loro disponibilità per dare una mano nelle numerose attività della settimana.

Dopo il bel campo trascorso, punto di arrivo del percorso annuale della Compagnia, non resta che godere dell’estate, pronti a ripartire a settembre ancor più carichi di entusiasmo ed allegria.

 

Galleria Immagini